Anche l’ANCE sottoscrive l’accordo sul Fondo Sanedil per l’edilizia

La CNCE informa che anche l’ANCE aderisce all’accordo del 19/11/2019 sugli adempimenti al Fondo Sanitario “Sanedil

L’accordo sugli adempimenti al Fondo Sanedil del 19 novembre 2019, inizialmente era stato firmato da Aci Pl, Anaepa Confartigianato, Cna Costruzioni, Fiae Casartigiani, Claai, Confapi Aniem e dalle OO.SS. Feneal-Uil, Filca-Cisl, Fillea-Cgil.
La CNCE con comunicato del 20/1/2020, informa che anche l’ANCE ha aderito e che pertanto può partire la successiva fase di avvio del Fondo Sanitario.

Edilizia Industria Pesaro: Accordo EVR 2020

Sottoscritto il 4/12/2019, tra ANCE Pesaro Urbino e FENEAL-UIL Marche, FILCA-CISL Marche, FILLEA-CGIL, l’accordo per la verifica dell’EVR 2020

Le Parti si sono incontrate allo scopo di verificare l’aliquota EVR che le imprese saranno tenute ad applicare per il calcolo del suddetto elemento retributivo nell’anno 2020. Pertanto, hanno convenuto quanto segue:

1 – Sulla base dei dati raccolti, le Parti hanno congiuntamente verificato che tre parametri utili per il calcolo dell’EVR hanno fatto registrare un andamento positivo, mentre il parametro del numero di imprese iscritte alla Cassa Edile Pesaro ha fatto registrare un andamento negativo
2 – Sulla base dei dati verificati, in applicazione a quanto previsto dal CCNL e della ponderazione al 25% ciascuno dei parametri contrattuali, l’EVR è maturato nella misura del 75% dell’aliquota del 4% calcolata sui minimi tabellari previsti dal CCNL alla data dell’1/7/2018
3 – Le imprese edili tenute all’applicazione dell’Accordo integrativo firmato precedentemente il 19/9/2019, riconosceranno quindi ai propri dipendenti da gennaio a dicembre 2020 l’EVR nella misura della percentuale del 3% calcolata sui minimi tabellari previsti dal CCNL alla data dell’1/7/2018

E.V.R. Annualità 2020 erogabile con decorrenza Gennaio 2020 per un massimo di 12 mesi

IMPIEGATI EDILIZIA INDUSTRIA

Livello

Paga base mensile (1/7/2019)

E.V.R. Territoriale (75% della misura piena)

E.V.R. a livello aziendale (tenuto conto della verifica e della determinazione a livello territoriale)

con 2 parametri aziendali positivi (75% della misura piena)

(*) con 1 parametro aziendale positivo (22,5% della misura piena)

(*) con nessun parametro aziendale positivo (EVR non erogabile)

7 1.740,71 52,22 52,22 15,67 0
6 1.566,63 47,00 47,00 14,10 0
5 1.305,52 39,17 39,17 11,75 0
4 1.218,51 36,56 36,56 10,97 0
3 1.131,46 33,94 33,94 10,18 0
2 1.018,32 30,55 30,55 9,16 0
1 870,36 26,11 26,11 7,83 0

– (*) –

In tal caso è obbligatoria la dichiarazione di atto notorio resa dall’azienda secondo quanto previsto da CCNL

OPERAI EDILIZIA INDUSTRIA

Livello

Paga base mensile (1/7/2019)

E.V.R. Territoriale (75% della misura piena)

E.V.R. a livello aziendale (tenuto conto della verifica e della determinazione a livello territoriale)

con 2 parametri aziendali positivi (75% della misura piena)

(*) con 1 parametro aziendale positivo (22,5% della misura piena)

(*) con nessun parametro aziendale positivo (EVR non erogabile)

4 7,04500 0,21 0,21 0,06 0
3 6,54500 0,20 0,20 0,06 0
2 5,88624 0,18 0,18 0,05 0
1 5,03098 0,15 0,15 0,05 0

– (*) –

In tal caso è obbligatoria la dichiarazione di atto notorio resa dall’azienda secondo quanto previsto da CCNL

Rivalutazione: effetti su Carta acquisti e ReI

A seguito dell’emanazione del DM 15 novembre 2019 sono stati rivalutati gli importi dei trattamenti previdenziali e assistenziali. L’Inps, con messaggio n. 161/2020, ne illustra gli effetti anche sul Reddito di Inclusione e sulla Carta acquisti ordinaria.

Il beneficio economico del Reddito di Inclusione, ai sensi dell’articolo 4, comma 1, del decreto legislativo 15 settembre 2017, n. 147, è soggetto ad un tetto massimo di erogazione commisurato all’ammontare annuo dell’assegno sociale, maggiorato del 10%.
A seguito dell’emanazione del decreto interministeriale 15 novembre 2019 è stato rivalutato l’importo dell’assegno sociale che, per l’anno 2020, è pari ad un valore annuo di 5.977,79 euro che, maggiorato del 10%, equivale a 6.575,56 euro; tale importo costituisce il valore massimo dell’ammontare del Reddito di Inclusione per l’anno 2020.

La misura delle soglie per l’accesso alla Carta acquisti ordinaria, ossia il valore ISEE e quello dei trattamenti e dei redditi previsti, è aumentata annualmente della misura percentuale prevista per la perequazione automatica dei trattamenti pensionistici dell’assicurazione generale obbligatoria dei lavoratori dipendenti. Pertanto, a seguito della perequazione disposta dal richiamato decreto del 15 novembre 2019, si riportano i valori delle soglie dei requisiti ISEE e dei trattamenti e dei redditi previsti per la Carta acquisti ordinaria per l’anno 2020:
– il valore dell’indicatore ISEE deve essere inferiore a 6.966,54 euro (tale valore rileva sia per la Carta acquisti minori che per la Carta acquisti ultrasessantacinquenni);
– il valore dei redditi e dei trattamenti dei pensionati deve essere di importo inferiore a 6.966,54 euro, se il richiedente/titolare è di età compresa tra 65 anni e 69 anni o a 9.288,72 euro se il richiedente/titolare ha una età non inferiore a 70 anni (tale valore rileva solo per la Carta acquisti ultrasessantacinquenni).

A seguito della modifica della durata dell’attestazione ISEE introdotta dal decreto-legge 30 aprile 2019, n. 34, a decorrere dal 1° gennaio 2020, la Dichiarazione Sostitutiva Unica è valida dalla data di presentazione fino al successivo 31 dicembre. Le DSU presentate nell’anno 2019 sono pertanto scadute il 31 dicembre 2019. I titolari di Carta acquisti ordinaria e di ReI, quindi, dovranno presentare una nuova Dichiarazione Sostitutiva Unica per continuare a beneficiare della misura.
Conseguentemente, l’elaborazione della mensilità di gennaio 2020 del ReI avverrà, entro il termine dello stesso mese solare, sulla base della DSU 2020. Per la Carta acquisti ordinaria, invece, al fine di poter elaborare il maggior numero dei rinnovi per il primo bimestre 2020, l’elaborazione avverrà, nei termini di legge, entro il termine del mese di febbraio 2020.

Nuove aliquote al Fondo Pensione Fondenergia

Con circolare n. 1/2020 del Fondo Pensione Fondenergia sono state indicate le nuove aliquote di contribuzione CCNL energia e petrolio.

Per effetto di accordi contrattuali stipulati lo scorso anno per il personale del settore energia, a decorrere dall’1/7/2020, le nuove aliquote di contribuzione al Fondo Pensione Fondenergia saranno le seguenti:

Aliquote

Decorrenza

% Aderente

% Azienda per lavoratori con anzianità contributiva INPS ante 1/1/1996

% Azienda per lavoratori con anzianità contributiva INPS post 31/12/1995

Quota TFR

Attuali % fino al 30/6/2020 2% 2,65% 2,65% 100% (**)
Nuove % 1/7/2020 2% (*) 2,725% (*) 2,775% 100% (**)

– Nota (*) –

Qualora per effetto di specifici accordi aziendali, l’aliquota a carico datoriale risulti già superiore alle suddette percentuali, si applicheranno rispettivamente gli incrementi di 0,075% e 0,125% sulla quota aziendale già prevista.

– Nota (**) –

E’ ammesso il versamento del 36% del TFR, per il personale con anzianità lavorativa ante 29/4/1993, che abbia aderito a Fondenergia entro il 31/12/2016.

Fondo Fasie: istruzioni operative CCNL Energia e Petrolio

Fornite, dal Fondo Fasie, le indicazioni operative alle aziende che applicano il CCNL Energia e Petrolio circa le tariffe valide per il 2020

Le tariffe annue per il 2020 sono riassunte nella seguente tabella:

QUOTA AZIENDA € 178,30

QUOTA LAVORATORE

Quota annua

Quota mensile

OPZIONE BASE € 84,00 € 7,00
OPZIONE STANDARD € 172,00 € 14,33 (€ 14,37 a dicembre)
OPZIONE STANDARD con iscrizione del/dei familiari € 198,00 per ogni familiare € 384,00 per ogni convivente € 16,50 per ogni familiare € 32,00 per ogni convivente
OPZIONE EXTRA € 322,00 € 26,83 (€ 26,87 a dicembre)
OPZIONE EXTRA con iscrizione del/dei familiari € 198,00 per ogni familiare € 384,00 per ogni convivente € 16,50 per ogni familiare € 32,00 per ogni convivente
OPZIONE PLUS € 850,00 € 70,83 (€ 70,87 a dicembre)

Il contributo a carico dell’Azienda, pari a 178,30 € per singolo dipendente iscritto al Fondo, dovrà essere versato in unica soluzione entro il mese di Gennaio 2020.
Il contributo a carico del dipendente, sia per la propria quota che per la quota di eventuali familiari e / o conviventi iscritti al Fondo come paganti, dovrà essere versato al Fondo su base mensile entro il giorno 16 del mese successivo di competenza
Per tutti i lavoratori che al 31/12/2019 erano dipendenti in servizio di Aziende che applicano il CCNL Energia e Petrolio, l’Azienda verserà un contributo annuale anticipato pari a 18 € per la gestione generale del FASIE, come da Verbale di
Accordo del 31.05.2019 (Parte IX Assistenza Sanitaria Integrativa).

Il versamento dovrà essere effettuato entro il mese di Gennaio 2020 con un bonifico separato.

Ll Conto corrente a cui effettuare i versamenti è il seguente:
IBAN: IT87D0832703211000000005743
Intestato a:
FASIE – Fondo assistenza sanitaria integrativa BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI ROMA