Concordato preventivo: cambiano le informazioni sulla visura camerale

Con la Circolare n. 3721/C del 21 maggio 2019, il Ministero delle Sviluppo Economico aggiorna le modalità di rappresentazione nella visura camerale delle informazioni relative alla procedura di concordato preventivo dopo il decreto di omologazione che segna la chiusura della procedura, fino al completamento dell’esecuzione della proposta di concordato.

In base alla disciplina delle procedure concorsuali, il decreto di omologazione del concordato preventivo segna la chiusura della procedura, a cui segue la fase di esecuzione della proposta di concordato.
In termini informativi, lo stato di impresa interessata dalla procedura di concordato preventivo è indicata nelle visure rilasciate dal registro delle imprese al fine di pubblicizzare la condizione dell’impresa.
Tuttavia, le attuali modalità di rappresentazione della procedura di concordato preventivo nella visura camerale, non consentono di rilevare correttamente la posizione dell’impresa nella fase successiva al decreto di omologazione, e fino al completamento dell’esecuzione della proposta di concordato, inducendo in coloro che consultano le visure l’erroneo convincimento della persistenza della pendenza della procedura successivamente al decreto di omologa.
Pertanto, al fine di rendere più evidente, dalla consultazione della visura ordinaria, successivamente all’omologa del concordato preventivo e fino al completamento dell’esecuzione dello stesso, che l’impresa si trova nella fase di esecuzione della proposta di concordato preventivo, le relative informazioni sono modificate come segue:
– nella prima pagina (sezione “Dati anagrafici”) della visura ordinaria viene eliminata la dicitura di esistenza di concordato preventivo, lasciando la prima pagina senza alcuna informazione circa l’esistenza del concordato preventivo;
– nel corpo visura, nel blocco relativo alle procedure concorsuali, dove è riportato lo stato di omologa del concordato preventivo e la relativa data, viene aggiunta una scritta fissa: “concordato preventivo in fase di esecuzione”.
Resta l’indicazione del commissario giudiziale tra le persone in carica, ma la sua visualizzazione (e quella di altre cariche analoghe), per motivi di chiarezza, viene spostata dal blocco amministratori al blocco delle altre cariche relative a procedure concorsuali.
Continua, come già attualmente, a non essere emessa la scritta (non esistenza di procedura in corso) fino a quando non è completata la fase di esecuzione del concordato preventivo.
Infine, con l’iscrizione dell’avvenuta esecuzione del concordato preventivo, scompare dal corpo della visura ordinaria ogni informazione relativa al concordato preventivo stesso, e viene cancellato il commissario giudiziale.
Tutti i dati aggiornati ed eliminati nel corso del tempo, in ogni caso, restano consultabili nella visura storica.